Geografia

Bookmark and Share

Geografia:
La Corea del Nord occupa la parte settentrionale, corrispondente a poco più della metà del territorio (55%), della penisola coreana, che comprende anche la Corea del Sud. Collocata tra il mare del Giappone (chiamato in Corea Mare dell'Est) a est e il mar Giallo a ovest, confina a nord con la Cina e con la Russia, mentre a Sud, ovviamente, con la Corea del Sud. La superficie del paese è leggermente inferiore a quella dell'Inghilterra e di poche migliaia di chilometri quadrati maggiore di quella della Corea del Sud. Per tre quarti il territorio nordcoreano è montuoso, chiuso lungo il margine settentrionale da rilievi connessi strutturalmente alla regione vulcanica della Manciuria che, a nord-est e a est, si allungano in un fascio di dorsali parallele alla costa: le catene del Hamgyong (con la massima elevazione del Paektu-san, vulcano spento alto 2.744 m) e dei Taebaek, che si prolungano poi nella Corea del Sud. Un corridoio pianeggiante si estende tra i due mari (da Wonsan a Seoul), oltrepassando la linea del confine e sfociando nella vasta area centrale formata da colline calcaree e granitiche. Nella parte occidentale si trovano le piane di Pyongyang e di Chaeryong. I principali fiumi sono l'Amnok (lo Yalu cinese, lungo 722 km) e il Tumen di 520 km, che sfociano rispettivamente nel mar Giallo e in quello del Giappone. Parzialmente navigabili, scorrono lungo i confini settentrionali. Gli altri corsi d'acqua che scorrono verso est sono invece brevi e impetuosi, mentre più rilevanti sono quelli che attraversano la pianura occidentale, tra cui il Taedong che bagna la capitale.